logo banner top

Oggetto: Grave carenza di Personale di Polizia Penitenziaria .

Turni di servizio Casa Circondariale di Venezia SMM superiore

a quanto previsto dall’ A.Q.N. e P.I.R. (fino dodici ore e oltre continuative).

 

Egregio Direttore,

con la presente siamo costretti ad intervenire pur consapevoli delle difficoltà in riferimento alla carenza del contingente del comparto sicurezza che proprio questa O.S. ha più volte denunciato ai vari livelli dell’ Amministrazione e opinione pubblica.

Il personale di Polizia Penitenziaria della CC di Venezia non può pagare sulla propria pelle le scelte di una politica assente e di un’ Amministrazione Centrale sorda in riferimento alle condizioni di lavoro, al benessere, alla mancata assegnazioni di unità nonché di tagli delle risorse umane .

Presso la CC di VE SMM vengano autorizzati turni di servizio che superano ampiamente quanto previsto sia dall’A.Q.N. sia dall’ Accordo Regionale.

A quanto riferito nella programmazione mensile al personale del servizio a turno vengono programmate oltre le 41 ore di lavoro straordinario.

Turni di piantonamento espletati con il personale che effettua prima il turno o parte del turno all’ interno dell’ Istituto per poi proseguire in modo continuativo il turno di piantonamento presso il reparto ospedaliero.

In alcuni casi si è violato sia l’ art. 2 comma 8 del Protocollo Intesa Regionale, sia l’ art. 8 comma 13 A.Q.N. (servizio nei reparti ospedalieri) violazioni ribadite da vari organi quali : Commissione Arbitrale Regionale, Giudice del Lavoro di Bolzano con sentenza di condanna nei confronti del Dirigente della CC di Bolzano.

Sembra venga chiesta la disponibilità ai dipendenti nel prolungare il proprio turno di servizio , se ciò venisse confermato di fatto in primis la S.V. viola quanto disciplinato in materia orario di lavoro, di diritti soggettivi dei dipendenti e del rischio da stress lavoro-correlato oltre ai quanto previsto dal decreto 81/2008 e segg.

Per le ragioni di cui sopra si chiede un’ incontro Urgente e nell’attesa si diffida al pagamento ti tutto il lavoro straordinario effettuato nell’ arco del mese solare dal personale anche di chi ha superato le 41 ore mensili, chiedendo al Superiore ufficio l’autorizzazione motivandola ad inserire tutte le ore di straordinario al SGIP così come previsto dalla normativa vigente .

Si diffida altresì a programmare e far espletare turni di servizio non conformi alle normative vigenti.